Realizzare un canile e gattile comunale per dare una risposta concreta a tutti quei manifestanti che sabato 24 novembre hanno fatto sentire la loro voce in Piazza Roma contro la delocalizzazione del canile fuori dai confini di Aprilia. I molti manifestanti che non più di una settimana fa hanno manifestato contro la decisione dell’amministrazione Terra di esternalizzare il servizio di ricovere, custodia e manitenimento presso i canili e gatti randaggi catturati sul territorio di Aprilia danno voce ad una richiesta che non può essere non presa in considerazione ovvero quella di realizzare un canile e gattile pubblico per valorizzare la bellissima esperienza che in questi anni si è formata attraverso l’Associazione Amici di Birillo.

Da qui parte la nostra proposta messa nero su bianco con una mozione di consiglio comunale per realizzare sul territorio comunale il primo caniele e gattile pubblico dando pieno riconoscimento alle Associazioni di volontariato animaliste e per la protezione degli animali a cui la Legge n. 281/1991 e la Legge Regionale 34/1997 riconoscono un ruolo importante nella gestione del servizio pubblico.

Utilizzare le risorse regionali e nazionale appositamente previste per la realizzazione di queste strutture, nonché l’individuazione con il prossimo bilancio di previsione 2019 quelle comunali indispensabili per completare il progetto e dar vita ad un partenariato con le Associazioni di volontariato animaliste che tanto hanno fatto in questi anni nel nostro territorio, rappresentano gli ingredienti fondamentali per un progetto a cui tutta la comunità apriliana crede ed a cui la politica locale ed il consiglio comunale deve dare un risposta urgente.

Oltre 400 cani all’anno adottati, decine di volontari impiegati quotidianamente, riduzione del fenomeno del randagismo e miglioramento della vita di quelli che tutti noi definiamo essere il miglior amico dell’uomo; rappresentano un patrimonio importantissimo per la comunità apriliana che non possiamo disperdere, ma che dobbiamo valorizzare con gli strumenti più opportuni.

Per questo con la mozione preparata da MovAp vogliamo passare dalle parole ai fatti.